HomeIntegrazioni

LE INTEGRAZIONI

 

GRIT - OSSO DI SEPPIA - SALI MINERALI - VITAMINE

 

GRIT

Si tratta di gusci d'ostrica sminuzzati da lasciare a libera disposizione nella gabbia dentro ad una piccola mangiatoia a parte. Può essere somministrato insieme ad una piccola quantità di carbone vegetale (esiste anche il carbon-grit che quindi è già pronto). Sconsiglio vivamente di utilizzare il grit come fondo per le gabbie in quando i nostri soggetti, mangiando il grit contaminato dalle proprie feci, potrebbero andare incontro a gravi patologie.

 

 

OSSO DI SEPPIA

Anche questo si trova nei negozi per animali o nei supermercati ben forniti. Possibilmente scegliete quelli più grossi e morbidi anziché quelli secchi che difficilmente verrebbero mangiati. Non è sostituibile dai sali minerali perchè serve anche a far limare il becco all'uccellino.

 


 

SALI MINERALI

A seconda della loro presenza più o meno elevata nell'organismo si distinguono in macro e microelementi.

Tra i Macro troviamo il calcio, fosforo, potassio, sodio, cloro, magnesio e zolfo, tra i Micro abbiamo il ferro, rame, cobalto, selenio, zinco, manganese, molibdeno, iodio e fluoro.

Le carenze che si verificano possono essere primarie se causate da un'insufficienza dietetica o secondarie se derivanti da fattori che inibiscono l'assorbimento di questi elementi. Ovviamente nel caso degli uccelli uno dei più importanti è il CALCIO per quanto riguarda la deposizione delle uova, ma ovviamente anche tutti gli altri sono non solo importanti ma INDISPENSABILI per il mantenimento del loro benessere. Essenziale è quindi la somministrazione periodica di sali minerali, questi si possono trovare sotto forma di polveri o granuli da miscelare al pastoncino o liquidi da aggiungere all'acqua.

Io suggerisco l'utilizzo di quelli liquidi per essere certi che i nostri soggetti ne assumano la giusta quantità.
Sulle confezioni ovviamente saranno riportate le quantità e i tempi di somministrazione.

 

VITAMINE

Le vitamine sono estremamente importanti in quanto possono causare gravi patologie sia in caso di loro carenza che di loro eccesso. Vengono classificate in LIPOSOLUBILI (vit. A, D, E, K ed F) ed IDROSOLUBILI (vit. C, B1, B2, B6, B12, H, PP).

Le carenze sono da riscontrarsi solitamente a causa di uno scarso apporto alimentare, questo negli uccelli da gabbia e voliera è ancora più accentuato a causa della dieta secca cui vengono sottoposti. Per ovviare a questi problemi l'ideale sarebbe fornire giornalmente alimento fresco ai nostri soggetti (verdure, frutta, semi germinati, gemme etc) ma ovviamente si tratta di un impegno difficile da portare avanti.

Per essere certi di somministrare la giusta quantità di vitamine la cosa migliore è sicuramente quella di utilizzare periodicamente un multivitaminico.

In commercio se ne trovano moltissimi, di diverse ditte e con diversi nomi ma di regola sono tutti ugualmente validi. L'unica accortezza sta nel seguire le istruzioni riportate sulla confezione (non aumentate o  diminuite la dose indicata e somministratele tutte le volte che vi viene suggerito). Un altro fatto importante da ricordare è che i pastoncini e i semi con “aggiunta” di vitamine in realtà non sono particolarmente utili in quanto le vitamine sono sostanze estremamente labili che a contatto con l'aria o con la luce vengono inattivate.

 

 

Testo a cura di Giada Cappuzzo, revisione Alex Solbiati

Sito Ufficiale del Club Italiano "Passero del Giappone"