HomeLe Mutazioni

MUTAZIONI

 

Le tre mutazioni base sono dette SERIE DEI BRUNI e sono: nero-bruno, moka-bruno, rosso-bruno.

 

Nero-Bruno:

è definita la forma ancestrale anche se in realtà come tutti sanno il pdg è un ibrido ed in natura non esiste. Questa mutazione domina sulle altre due mutazioni base.

 



 

Moka-bruno:

è recessiva nei confronti del nero-bruno e dominante nei confronti del rosso-bruno.

 





Rosso-bruno:

questa mutazione è recessiva sia nei confronti del nero-bruno che del moka-bruno.

 



 

Grigio:

la mutazione grigia è una mutazione recessiva nei confronti della mutazione di base che va a modificare la tonalità della melanina nera (eumelanina) e della melanina rossa (feomelanina).
ES: un nero-grigio è uguale ad un nero-bruno ma con tonalità argentate anziché brune, stessa cosa accade per il moka-grigio ed il rosso-grigio che hanno però una colorazione più spenta rispetto alla mutazione base.

Queste mutazioni sono dette SERIE DEI GRIGI: nero-grigio, moka-grigio, rosso-grigio.



Qui prendiamo ad esempio solamente la mutazione nero-grigio ma il concetto è uguale anche per il moka-grigio ed il rosso-grigio.

 


NERO-GRIGIO:

MOKA-GRIGIO:

ROSSO-GRIGIO:

 

Albino:

la questione riguardo questa mutazione è abbastanza complicata e non ancora chiara agli stessi allevatori. Tutto quanto sto per scrivere non è frutto di mie esperienze personali ma di esperienze di allevatori italiani ed esteri (americani e giapponesi) con cui ho avuto modo di confrontarmi circa l’argomento.
Sembra esistano 3 diverse forme di “albini” (inteso come soggetti non pigmentati e ad occhio rosso), una definita da Kanji Kawabata (famoso allevatore giapponese) ALBINO EUROPEO, che si comporta come una normale mutazione recessiva, una seconda, chiamata ALBINO GIAPPONESE, che pare si comporti come una mutazione dominante incompleta portando una totale apigmentazione (piumaggio bianco, occhio rosso) quando è in forma omozigote e un'apigmentazione parziale (corpo quasi bianco, testa più pigmentata) se in forma eterozigote. Per finire la terza forma che in Italia è chiamata APIGMENTATO  OORR, si tratta della mutazione -INO, sesso legata (di cui si parlerà più avanti) che, in interazione con la mutazione rosso-bruno, determina soggetti dal piumaggio candido e l'occhio color rubino. Come si può immaginare, fenotipicamente questi soggetti sono così simili da non riuscire a capire a quale delle tre mutazioni appartengano effettivamente.



 

MUTAZIONI SESSO-LEGATE:

 

Queste mutazioni sono la –INO e la PERLA.

Nel caso della mutazione –ino possiamo avere due colorazioni diverse a seconda che si presenti in soggetti a base bruna (Crema-ino) o a base grigia (Grey-ino o Grigio-ino).

CREMA–INO:

GREY–INO:

 

Nei soggetti di mutazione perla si ha una sfumatura perlacea che va a modificare la colorazione base del piumaggio, potremo così avere dei nero-bruno perla, moka-bruno perla, rosso-bruno perla e dei nero-grigio perla, moka-grigio perla e rosso-grigio perla.

 

PERLA-BRUNO:

PERLA-GRIGIO:

 

Anche la mutazione perla come le altre mutazioni si può trovare associata alla mutazione GRIGIO che va ad aggiungere riflessi metallici al piumaggio dell'esemplare.

 

ALTRE MUTAZIONI:

 

Diluito o pastello:

questa mutazione è quantitativa e modifica l’intensità della colorazione del piumaggio; questo significa che tra un soggetto con colore intenso ed uno con  colore diluito si avrà prole con caratteristiche intermedie. Legata a questa mutazione se ne ha una denominata ALI CHIARE o  CLEARWINGS dove i soggetti presentano una maggior diluizione del piumaggio a livello delle ali e del petto. Purtroppo momentaneamente non ho la possibilità di allegare delle foto, cercherò di sopperire alla mancanza nel minor tempo possibile.

 

 

Pezzato:

per soggetti pezzati si intendono quei PdG che presentano una percentuale più o meno alta di piumaggio bianco. La pezzatura compare in punti d'elezione quali le zone sopra e sotto il becco (foto 1 e 2), mentre difficilmente si possono rinvenire macchie bianche in altre zone del corpo. Questi soggetti presentano una percentuale di piumaggio bianco sempre inferiore al 50%.
Quando la pezzatura è invece più significativa si possono osservare aree depigmentate che da sotto il becco si estendono verso la linea di demarcazione del petto (senza interessarla) e verso guance e collo; dal ventre risalgono nuovamente fino al petto e coinvolgono generalmente anche le copritrici dell'ala, le remiganti e le timoniere(foto 3).


 

Alcuni settori come il dorso (scudo), la sommità della testa (calotta), l'area attorno agli occhi (occhiali) e le copritrici caudali (calzone) sono gli ultimi a subire gli effetti della depigmentazione, proprio per questo motivo è possibile selezionare dei soggetti scudati.

 

Scudato:

 

 

Bianco:

sembra che a determinare il fenotipo bianco siano responsabili due geni, indicati con i nomi pezzato dominante e pezzato recessivo.
Un bianco, geneticamente parlando, è obbligatoriamente omozigote per il gene pezzato recessivo, mentre il gene pezzato dominante può essere presente sia in omozigosi che in eterozigosi.
Per ottenere un soggetto bianco quindi i genitori dovranno essere necessariamente entrambi almeno portatori del gene pezzato recessivo e almeno uno dei due deve presentare il gene pezzato dominante quanto meno in singola dose.

 

 

Ciuffato:

è una mutazione dominante letale se omozigote quindi non vanno mai incrociati due soggetti ciuffati.

Queste sono solo le mutazioni più comuni, all’estero (soprattutto in Giappone) si possono incontrare PdG con piumaggi molto particolari come per esempio il mosaic-ino ed il tricolore o soggetti ciuffati ed arruffati.

 

Tricolor:


 

In questo caso non si tratta di una mutazione fissata ma di un cross-over casuale, per questo motivo i soggetti Tricolor sono davvero pochissimi!!

 

Pearl gray full colored:

 

Dusky o Full colored self brown:

 

Karasu:

 

 

Testo a cura di Giada Cappuzzo, revisione Alex Solbiati

Sito Ufficiale del Club Italiano "Passero del Giappone"