HomeLa Speratura delle Uova

LA SPERATURA delle UOVA

 

Chi è già un allevatore navigato sa di che cosa parlo e soprattutto come si fa...per i meno esperti credo che questo piccolo articolino possa essere utile nel caso decidessero di far riprodurre i loro amici pennuti per la prima volta.

La speratura consiste nell'osservare le uova vicino ad una fonte luminosa per verificare se sia stata fecondata o meno, per fare ciò dovete munirvi di un po' di coraggio, delicatezza, mano ferma e una piccola torcia (quelle a penna sono ottime).

La prima operazione da compiere è quella di tirare l'ovetto fuori dal nido, con un nido a cassettina l'operazione è decisamente più semplice rispetto ad un nido a pera!!!

L'ovetto deve essere tenuto tra l'indice ed il pollice, osservandolo possibilmente al buio (o comunque in penombra) puntando la lucina dietro all'uovo, in questo modo sarà tutto molto più nitido e vi sarà più semplice capire quello che state guardando.

Nelle foto che seguono potrete osservare la differenza tra un uovo "vuoto" (non fecondo), uno fecondo a inizio dello sviluppo e uno fecondo in stadio avanzato.

 

Intanto ricordo a tutti che:


1- La cova media per un piccolo esotico (pdg, dm, ddg etc) è di circa 15 giorni, con qualche giorno di differenza in più e in meno a seconda delle specie.

2- La cova vera e propria inizia di solito intorno al 3° giorno dall'inizio della deposizione, quindi con il 3° ovetto deposto. Ci sono coppie che iniziano dal primo e coppie che iniziano addirittura dal 5-6°.

3- Le uova appena deposte e non ancora covate (o cmq nei primissimi giorni di cova) si presentano come quelle non feconde.

4- La speratura deve avvenire intorno al 5-6° giorno di cova tenendo però presente che le ultime uova deposte probabilmente non saranno ancora sufficientemente sviluppate da presentarsi come feconde quindi, specie per le deposizioni molto numerose (dalle 6 uova in su) suggerisco di ricontrollare nuovamente le uova dopo 3-4 giorni dalla prima speratura.

Ora passiamo alle foto ed alla spiegazione vera e propria.

 


Questo (foto 1) è un ovetto NON fecondo, come potete notare la luce attraversa l'uovo rendendo il guscio trasparente, al suo interno potete notare l'albume e il tuorlo (giallo) come un normalissimo uovo di gallina.

 

 

Questo invece è un ovetto fecondo fotografato intorno al 5° giorno di cova. Come potete vedere si sono formate delle venuzze che originano tutte dal centro dell'ovetto. Nelle foto 2 e 3 c'è una freccia che indica 1 parte più rossa, se osservate con attenzione potrete notare che quest'area nei due scatti si trova in posizioni differenti...quello è il cuore dell'embrione!!!
Osservandolo dal vivo potrete vedere il sangue che si sposta!!!


 


Questo è invece un ovetto fecondo ( foto 4) con uno sviluppo di circa 10/12 giorni, la luce non attraversa più l'uovo che si presenta bianco-grigiastro opaco e se ci fate attenzione potrete anche sentire una differenza di peso tra questo e un ovetto non fecondo. A questo stadio l'embrione è già abbastanza sviluppato e la schiusa non è lontanissima.

Qui invece ho fotografato le uova nel loro nido.
Nella foto 5 ci sono delle uova feconde a inizio sviluppo, facendo attenzione potrete vedere che hanno una leggera tonalità rosata..


 

Nella foto 6 ci sono delle uova feconde in uno stadio più avanzato insieme ad un uovo non fecondo (freccia blu) e un uovo che era fecondo ma il cui embrione è morto durante lo sviluppo (freccia rossa).



Sperando di potervi essere stata d'aiuto mi permetto solo di darvi un ultimo suggerimento...


Essendoci passata so benissimo che avvicinandosi il momento della schiusa si viene presi da notevole agitazione e curiosità rischiando di rovinare una covata buona solo per la fretta di vedere i pulli!
Per questo motivo io vi suggerisco di prendere nota attentamente di quando i genitori iniziano a covare così da sapere la data precisa in cui i futuri uccellini verranno al mondo!!

 

Ed ora...


BUON ALLEVAMENTO A TUTTI !!!

 

 

Testo a cura di Giada Cappuzzo, revisione Alex Solbiati

Sito Ufficiale del Club Italiano "Passero del Giappone"